Sai cosa hanno in comune un caffè espresso, uno macchiato, e uno americano? L’acqua.

L’acqua è l’elemento principale del caffè; essa ha diverse caratteristiche e le più importanti sono la durezza, il residuo fisso e il PH.


Partiamo dal termine durezza - cosa significa?


Bisogna in primis suddividerla in due categorie: durezza totale e durezza temporanea. La prima, in parole semplici, è la percentuale di magnesio e calcio (due sali minerali importanti) disciolti nell’ acqua.


La seconda è quel processo chimico che, se riscaldati, creano il famoso e fastidiosissimo calcare (e/o incrostazioni).


Come seconda caratteristica abbiamo il residuo fisso.


Il residuo è il contenuto complessivo di sale presente nell’acqua.


Per ultimo, ma non meno importante, il PH.

Il PH è un parametro che dà un’indicazione delle proprietà corrosive e incrostanti di una qualsiasi soluzione, ha un valore compreso da 0 e 14, a ph = 7 definito neutro, < di 7 è acida, > di 7 è basico.


Detto questo… cosa c’entra con il caffè?

Fare il caffè è un’arte.


Ti sarà capitato di andare al Bar per un caffè e di rimanerne insoddisfatto perché, troppo amaro o troppo insipido o magari, dal sapore sgradevole…


Altre volte invece il gusto, anche se della stessa marca, risulta essere buono.


Perché questa differenza?

Ovviamente la risposta è l’acqua!


Le bevande calde sono composte dal 98% di acqua e se la composizione dei minerali non è equilibrata, ciò può impedire all’aroma di svilupparsi pienamente.


Questo GRAVE problema, non solo colpisce la grande ristorazione ma anche le singole macchine da caffè che ognuno di noi ha nella propria casa.


Non appena viene installata la macchina da espresso, e una volta inserita la cialda, avrai un caffè cremoso, fumante, con un gusto intenso, una goduria mattutina prima di andare al lavoro o prima di iniziare a studiare.


Con il tempo però, il gusto cambia, è meno cremoso, con un sapore spento che nemmeno due buste di zucchero possono cambiare.


Come posso migliorare?

Fortunatamente la tecnologia odierna ci consente di utilizzare differenti tipi di trattamento dell’acqua per variarne la composizione al fine di ottenere il risultato migliore in funzione dell’uso cui è destinata.


Si può cosi:


  • bilanciare i sali minerali nell’acqua per salvaguardare l’efficienza operativa della macchina e garantire la migliore resa in tazza
  • Puntare alla rimozione delle sostanze estranee (sabbia, ruggine, ecc...)
  • Eliminare le sostanze dal sapore/odore estraneo (cloro, ferro, etc...)

La manutenzione è fondamentale!

Spesso la parola “manutenzione” viene vista come un’attività noiosa – “non ho tempo ora, lo faccio dopo!”


Ma il tempo passa…


Il calcare aumenta, si otturano le tubature e la situazione diventa grave, insostenibile e si ha bisogno del supporto clienti, e questo crea una perdita in termini di costi (elevati!) e tempo!

BRITA ha la soluzione!

 è un’azienda conosciuta a livello internazionale per l’ottimizzazione dell’acqua potabile, ha introdotto nel mercato, un sistema di filtraggio e pulizia dal calcare che ti permette di avere un’acqua equilibrata per molto più tempo così da avere un caffè cremoso, intenso e dall’aroma impeccabile sempre e in ogni momento della tua giornata.


Il tutto è molto semplice, ti basta scartare la bustina contenente il filtro, inserirla nel contenitore dell’acqua e aspettare che le reazioni chimiche facciano il loro percorso.


Il tutto in assoluta semplicità e velocità.


Esattamente come fare un caffè.